Follow by Email

giovedì 3 dicembre 2015

Le semplici regole antitumorali

In condizioni normali le cellule muoiono e si riproducono. Quando si sviluppa un tumore, per diverse ragioni le cellule si riproducono senza alcun controllo, quindi avviene una mutazione. Le mutazioni possono essere di origine ereditaria (ecco l’importanza dei controlli ed eventualmente del test genetico) oppure provocati da fattori esterni.
Concorrono alla crescita del tumore infiammazioni, abbassamento delle difese immunitarie. Lo stile di vita peggiora il quadro: fumo, sedentarietà, cattiva alimentazione eccetera.
Se necessaria bisogna vaccinarsi contro l’epatite B e C, al Papilloma virus umano.
 da leggere – AIRC  Prevenzione
Stando ad uno studio autorevole riportato dalla rivista Journal of the National Cancer Institute,  pare che la pigrizia sia alleata di tante malattie fra cui i tumori al colon e polmoni in particolare.
Abitudini come stare troppe ore a guardare la Tv o davanti al pc sono da limitare al massimo.
Optare per una passeggiata al parco, almeno 30 minuti al giorno
In generale l’alimentazione di ciascuno comprende molte porzioni di carne oppure pasta, pane e minori porzioni di frutta e verdura. Si dovrebbe invece invertire la tendenza, vale a dire mangiare più frutta e verdura, ma anche legumi eccetera a differenza di altri alimenti la cui quantità dovrebbe essere notevolmente diminuita.
E’ noto quindi che alimenti come carne, insaccati, formaggi, zuccheri, fritture, alcolici, bibite gassate nutrono le cellule tumorali, facendole così crescere e moltiplicare. E’ ciò che si evince dal video trasmesso dalle Iene, nel quale tutta la famiglia adotta il regime vegano, traendone grandi benefici, il primo la scomparsa del tumore!
Per quanto riguarda l’Aloe, viene usata da secoli con innumerevoli benefici anche se non rilevati da studi scientifici. Il dato di fatto è che L’Aloe Vera viene usato da tantissime persone, le quali ne traggono molti benefici.
In particolare è indicato l’Aloe gel, migliore rispetto al succo. Questa pianta fra le altre cose ha il potere di disintossicare l’organismo, condizione ideale anche per iniziare una eventuale terapia. Spazza via le cellule morte. Potenzia e riattiva le difese immunitarie, stimola la produzione di globuli bianchi, che oltre a distruggere batteri e cellule tumorali, producono a loro volta agenti immunitari come l’interferone e l’interluchina.
È l’Aloe Arborescens ad essere un potente antitumorale ed proprio quello prodotto da DnaSolutions Aloe Vera
 L’importanza dei test genetici e dell’integrazione
Il mito della dieta: La vera scienza dietro a ciò che mangiamo

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao Giovanna, utilissimo il tuo articolo, sicuramente la prevenzione ci aiuta a diffenderci il più possibile, un bacio

    RispondiElimina