Follow by Email

giovedì 28 dicembre 2017

Tiroide: i sintomi le cause e le cure


Cos'è la tiroide

La tiroide è una ghiandola posta nella parte anteriore della trachea, che ha una funzione importantissima. Il metabolismo è influenzato dagli ormoni che la tiroide rilascia; gli ormoni della tiroide influiscono anche sul sistema cardiovascolare, del sistema nervoso e tante altre funzioni. La tiroide è piccolissima simile ad una farfalla composta dal lobo sinistro e dal lobo sinistro collegati da una specie di ponte. La tiroide ha una grandezza che va dai 5 centimetri agli 8 centimetri.

Le patologie legate alla tiroide sono molto diffuse e colpiscono maggiormente la popolazione femminile.



L'attività della tiroide

Ipotalamo-ipofisi è l'asse che regola tutta l'attività della tiroide. L'ipotalamo rilascia un ormone chiamato tireotropina (TRH), che regola il rilascio a sua volta dell'ormone che stimola la tiroide, prodotto dall'ipofisi e chiamato TSH.

I valori della tiroide

Gli ormoni prodotti dalla tiroide sono noti come triiodotironina (T3) e tiroxina (T4); questi ormoni entrano in circolo fino ad arrivare nei tessuti e nel sangue, trasformandosi in FT3 e FT4 che circolano in forma libera e influiscono sulla memoria, sull'assorbimento dei cibi, sul sul sistema respiratorio.

Quali sono i valori normali della tiroide

Ecco i valori tiroidei che rappresentano la normalità:


  • T3    -    80-190    nanogrammi/decilitro
  • T4    -    5 - 12,5   nanogrammi/decilitro
  • FT3  -   2 - 3,5     nanogrammi/decilitro
  • FT4  -   0,8 - 1,8  nanogrammi/decilitro


Quali sono le patologie della tiroide

  • Ipotiroidismo (tiroide poco attiva) o ipertiroidismo (tiroide molto attiva);
  • infiammazione della tiroide (tiroidite, di origine autoimmune);
  • tumore della tiroide (asportabile con intervento chirurgico);
  • gozzo tiroideo (aumento di peso e volume della tiroide);
  • noduli alla tiroide
L' Ipertiroidismo è causato dall'eccessiva produzione di ormoni da parte della tiroide. Sintomi: si possono verificare disturbi del metabolismo ma anche alterazioni del sistema nervoso, eccessiva sudorazione, tremori, debolezza muscolare, ipertensione.

L'Ipotiroidismo si verifica quando la tiroide non è capace di produrre una quantità sufficiente di ormoni. Sintomi: sonnolenza, astenia, stanchezza.

Noduli alla tiroide - I noduli sono masse liquide o solide che spesso sono scoperte a seguito di un controllo medico; a volte le loro dimensioni ostacolano la normale respirazione o la deglutizione e sono visibili; si tratta di cisti, raramente possono avere una natura cancerosa.

Esami da fare per la tiroide

Oltre agli esami del sangue è consigliabile sottoporsi ad una ecografia, che riuscirà a fornire molte informazioni riguardo alla struttura e grandezza della tiroide e/o alla presenza di eventuali noduli.

Le malattie della tiroide: le cure

Dopo aver effettuato tutti gli esami del caso ed accertato eventuali anomalie nei risultati bisognerà rivolgersi ad un Endocrinologo; si tratta di uno specialista che si occupa della cura delle malattie ormonali. L'endocrinologo si occupa di malattie come il diabete, l'osteoporosi, patologie legate al metabolismo, difetti di crescita, pubertà precoce (alcune ricerche hanno stabiliti che questi disturbi sono legati alle malattie della tiroide).
Vi sono diversi tipi di cura delle malattie della tiroide, in base al tipo di patologia: farmaci antinfiammatori per l'infiammazione, betabloccanti, antibiotici o farmaci a base di ormoni. In alcuni casi può essere richiesto un intervento chirurgico per l'asportazione parziale della tiroide se necessario.

Curare e prevenire le malattie della tiroide

Vi sono alcuni elementi che possono influenzare il funzionamento della tiroide, in particolare spinaci, rape, soia, senape, cavolfiore, broccoli possono aiutare in caso di ipertiroidismo (in ogni caso consultare lo specialista). In generale bisognerebbe evitare l'alcol, lo zucchero e il latte.
La vitamina D previene la tiroidite, la L-carnitina cura l'ipertiroidismo, la vitamina C, la vitamina A, il selenio, lo zinco e le vitamine del gruppo B sono importanti per una regolare produzione ormonale.

Integratori anti aging - vitamine gruppo B, L-Taurina, fermenti lattici, Carnitina (vitamine, minerali, acidi grassi, antinfiammatori, aminoacidi, complessi probiotici, antiossidanti, regolatori glicemia, riparatori del DNA)

Prevenzione

Uno stile di vita sano aiuta a proteggersi dalle disfunzioni ormonali legate alla tiroide; inoltre, lo iodio aiuta la tiroide a funzionare correttamente. In molte parti del mondo lo iodio è scarsamente contenuto in cibi e bevande a causa di cambiamenti climatici che hanno interessato più parti della terra. L'alimento per eccellenza dove lo iodio è presente è il sale iodato. Bisogna osservare che il sale va assunto con moderazione, perché può avere effetti negativi sull'ipertensione e causare malattie cardiovascolari. 

Altri alimenti dove è presente lo Iodio:


  • pesce;
  • uova;
  • crostacei;
  • latte e carne;
  • frumento e cereali;
  • legumi;
  • frutta e verdura


I consigli del Ministero della Salute  sulla prevenzione della tiroide





martedì 26 dicembre 2017

Influenza 2018/2019 i sintomi i rimedi le cause

Influenza 2019
Influenza 2018/2019

L'influenza di quest'anno, il virus H1N1 è molto simile a quello dello scorso anno; le previsioni parlano di 5 milioni di italiani costretti a letto nei primi giorni del 2019

Nell'ultima settimana sono 138.000 gli italiani costretti a letto, ma si tratta di un numero destinato a salire.

Attualmente le regioni più colpite sono le regioni del Nord fra cui Toscana, Piemonte, Liguria e Lombardia. Mentre al sud Abruzzo e Sicilia.



I sintomi dell'influenza 2018

I sintomi dell'influenza possono essere di varia natura ed entità; in  particolare in sintomi più comuni di quest'anno sono febbre molto alta, dolori addominali, tosse, dolori articolari, insonnia, mal di gola. Come avviene il contagio? La trasmissione avviene attraverso gocce di saliva scaturite da tosse o starnuti e dal contatto con mani contaminate.

Altri sintomi e possibili complicanze

Anche quest'anno ci sono problemi con i vaccini  -


I ritardi nella consegna dei vaccini e altri disguidi sono anche causati dal fatto che le gare, per l’acquisizione di questi presidi sanitari, sono biennali – afferma il dott. Claudio Cricelli, Presidente Nazionale SIMG -. Risulta quindi difficile riuscire ad avere il numero corretto di vaccini perché ogni stagione coinvolge una quota diversa di popolazione. Se vogliamo concretamente aumentare le percentuali di immunizzazione vanno migliorati questi aspetti organizzativi. Ciò nonostante la campagna vaccinale prosegue con buoni risultati. Registriamo, con soddisfazione, una rinnovata fiducia da parte dei cittadini”. “Il nostro ruolo nel contrasto all’influenza è fondamentale – aggiunge il dott. Ovidio Brignoli, Vice Presidente Nazionale SIMG -. Come medici di famiglia siamo presenti in modo capillare su tutto il territorio nazionale e possiamo fornire alle istituzioni sanitarie, locali e nazionali, tutti i dati relativi a incidenza, prevalenza e mortalità. Sulla base di questi numeri è possibile pianificare interventi concreti di salute nell’interesse della collettività”. “L’influenza un fenomeno complesso e che colpisce circa il 10% dell’intera popolazione italiana – conclude il dott. Aurelio Sessa, responsabile SIMG del settore -. Non può essere sottovalutata e bisogna ricordare che la vaccinazione è l’arma migliore a nostra disposizione. La prevenzione però passa anche da una serie di semplici regole di buona igiene che vanno seguite con particolare attenzione in questo periodo delicato dell’anno. Noi medici di famiglia dobbiamo essere i primi a dare il buon esempio ai nostri assistiti, a partire proprio dal ricorso alla vaccinazione”.


Influenza: I rimedi

Il vaccino, la cui somministrazione è iniziata ai primi di novembre e che proseguirà fino a fine dicembre è di sicuro il rimedio primario per mettersi a riparo dalla sindrome influenzale di quest'anno. Inoltre, per qualsiasi tipo di virus è importante una buona igiene soprattutto delle mani, le quali vanno lavate frequentemente (insaponate per almeno 20 secondi per eliminare eventuali batteri), è necessario coprire bocca e naso quando si tossisce o quando o nei luoghi chiusi (che potrebbero essere contaminati da virus e batteri). Molto spesso gli ospedali sono i luoghi dove maggiormente si può contrarre l'influenza, quando non sono seguite adeguatamente le norme igienico-sanitarie previste: uso di disinfettanti, aerazione dei locali dove i pazienti soggiornano.

Altri rimedi contro l'influenza

Per prevenire l'influenza o almeno ridurne gli effetti potrebbero essere utili una serie di accorgimenti pratici:


  • Evitare luoghi affollati;
  • utilizzare mascherine;
  • aprire porte e finestre per cambio aria;
  • massima igiene personale (soprattutto delle mani);
  • assunzione costante di vitamina C (la Vitamina C va assunta ogni giorno, perché viene eliminata attraverso le urine);
  • assunzione di prodotti specifici per il sistema immunitario come Immuno Plus oppure l'Aloe vera;
  • evitare lo stress e riposare bene;
  • evitare l'alcol




lunedì 18 dicembre 2017

Endometriosi diagnosi e cura


3 milioni di donne sono affette da endometriosi

Cos'è l'Endometriosi

L'endometriosi è una malattia dolorosa che coinvolge tessuti che dalla parete interna dell'utero (endometrio), invadono altri organi come ovaie, intestino, tube e vagina. La malattia è dunque caratterizzata dalla presenza di endometrio (tessuto) dove non dovrebbe esserci. La patologia provoca dolore pelvico durante il ciclo mestruale. L'endometriosi colpisce in particolare le donne in età fertile con un'incidenza del 6-10%.
Purtroppo, molto spesso l'endometriosi viene diagnosticata in ritardo; la fondazione Gimbe ha pubblicato le linee guida del National Institute for Health and Care Excellence.

La Prevenzione significa diagnosticare la malattia rilevando precocemente i sintomi (spesso è insospettabile).





Endometriosi: le cause

Vi sono diverse teorie, alcune delle quali attribuiscono la patologia a fattori ormonali, altre al sistema immunitario. I fattori più comuni di rischio sono:

  • menarca ( prima mestruazione precoce);
  • assenza di gravidanze;
  • menopausa in ritardo;
  • alta presenza di estrogeni;
  • ereditarietà;
  • anomalie uterine
I sintomi

Intenso dolore pelvico, disturbi gastrointestinali e sterilità sono i sintomi più comuni. 

La Selfite diventa malattia






Per alcuni psicologi l'ossessione di postare selfie sui social potrebbe essere addirittura una malattia.
Durante uno studio pubblicato sull'International Journal of Mental Health a cura della Nottingham trent University e della Thiagaraja School of Management in India sono stati esaminati 400 soggetti; lo studio ha rivelato che potrebbero esistere tre diverse categorie di selfite: cronica, acuta e borderline.



I soggetti che sentono il bisogno di scattarsi foto e postarle sui social 24 ore su 24, potrebbero essere affetti da selfite cronica; quella acuta è caratterizzata da una discreta quantità di autoscatti pubblicati sul proprio profilo, mentre chi è affetto da selfite borderline scatta foto almeno tre volte al giorno.



Il sondaggio che ha coinvolto 400 persone è stato svolto in India, il paese che registra più morti in assoluto per selfie pericolosi. Le mode o come molti esperti pensano in questo caso "patologie" possono anche essere pericolose; nel nostro paese si è registrata qualche morte per selfie alla guida.

Molti degli intervistati affermano di sentirsi felici a postare selfie e che con questa pratica guadagnano molta attenzione sui social. 









martedì 12 dicembre 2017

Gonorrea: cause, sintomi e cure

Gonorrea, cause, sintomi e cure
La Gonorrea fa parte delle malattie sessualmente trasmissibili e nasce da un'infezione batterica. Si tratta di una malattia contagiosa e il rischio sale in base al numero di rapporti con persone diverse.

LifestyleSlow

Gonorrea: le cause

La Gonorrea si trasmette attraverso ogni tipo di rapporto non protetto o anche con il bacio. L'infezione può essere trasmessa durante il parto dalla madre al neonato. Nel bambino, la gonorrea si manifesta attraverso un'artrite settica o una congiuntivite.

I sintomi e la cura della Gonorrea

I sintomi della gonorrea sono secrezioni (pus, ascessi) che fuoriescono dall'organo genitale. In generale le perdite hanno un colore giallo e sono accompagnate da bruciore nell'urinare.
Altri sintomi della gonorrea sono dolore addominale e dolore durante i rapporti sessuali, cistite, infiammazione degli organi genitali, senso di bruciore durante la minzione, perdite vaginali, prurito.

Per curare la gonorrea viene somministrata una terapia a base di antibiotici. Se non curata in tempo la gonorrea può peggiorare causando altre patologie come infezione cronica, prostatite, sterilità.
Durante il trattamento della gonorrea è consigliabile astenersi dai rapporti sessuali e assumere prodotti a base di Curcuma - questa spezia infatti, ha potenti proprietà antinfiammatorie.

Avete mai trovato muco nelle urine?

muco nelle urine
Cos'è il muco?

Il muco è una sostanza biancastra o gialla, che viene prodotta dal nostro corpo per proteggere gli organi da infezioni da batteri o virali. Sono le mucose a produrre questa sostanza; il muco viene rilasciato nell'intestino, nei polmoni e nelle vie urinarie. Nella maggior parte dei casi, il muco nelle urine può sembrare un fenomeno naturale, una reazione ad una semplice infezione, in altri casi può nascondere altre patologie, come nel caso del muco nelle urine.

Quando preoccuparsi del muco nelle urine?

Anche il muco nelle urine, nella maggior parte dei casi può essere normale, perché protegge la vescica, l'uretra e i reni dall'acidità delle urine. La produzione di muco eccessiva nelle urine può nascondere diverse patologie.
Come scoprire se sono presenti batteri o virus nelle urine?  Basta semplicemente sottoporsi ad un esame delle urine che individui la quantità di muco presente e della sua consistenza. Le urine e tutti gli elementi in essa contenuti sono analizzati al microscopio. L'esame più comune è l'urinocoltura, che serve a verificare che tipo di batteri sono presenti nelle urine. L'esame citologico delle urine, invece, serve a verificare la presenza di materiale tumorale nella vescica o nei reni.  Infine, ci si può sottoporre alla raccolta delle urine in 24 ore. Quest'ultima serve per valutare altri elementi come il glucosio, leucociti.

Life style Slow

Le cause del muco nelle urine


  • infezione delle vie urinarie (escherechia coli);
  • clamidia o gonorrea, patologie sessuali;
  • colite ulcerosa;
  • cancro alla vescica;
  • minerali all'interno della vescica, cioè espulsione di nutrienti in eccesso (spesso vitamine in eccesso sono espulse nelle urine);
  • calcoli renali
Quali sono le cure per il muco nelle urine?

Le infezioni urinarie si curano con antiboitici specifici; l'urinocoltura indica i farmaci adatti a quel tipo di batterio. Anche per le malattie a trasmissione sessuale è prevista una terapia antibiotica. La colite e l'infiammazione del colon si curano con antinfiammatori. 
In presenza di muco nelle urine è consigliabile bere molta acqua, perché quest'ultima ha un effetto purificante di eventuali sostanze tossiche o batteri. Infine è importante proteggere il sistema immunitario anche con l'uso di sostanza naturali come il Tarassaco e la Curcuma che hanno un importante effetti depurativo di tutto l'organismo. 



domenica 10 dicembre 2017

Trocanterite: cure e rimedi

Trocanterite infiammazione tendini anca
La trocanterite, chiamata anche borsite trocanterica è una patologia che riguarda l'anca, in particolare la parte sporgente; si tratta di un'infiammazione dei tendini, anche se questa teoria non è avvalorata da molti esperti, la maggior parte dei quali parla di "sindrome dolorosa trocanterica".
La trocanterite colpisce più le donne che gli uomini; spesso si verifica negli sportivi, specie i corridori.

Il dolore colpisce i tessuti che avvolgono l'osso e non interessa direttamente l'osso.

Life Style Slow

Le cause possono essere di diversa natura:


  • cadute e piccoli incidenti (traumi);
  • eterometria: differenza di lunghezza fra le due gambe;
  • postura sbagliata e movimenti ripetitivi riguardanti la zona fra gamba e anca;
  • conseguenza di interventi chirurgici all'anca;
  • compressione della zona vicina all' anca;
  •  presenza di patologie come la gotta, l'artrite o altre infezioni;
Il sintomo della trocanterite è un dolore profondo, che a tratti può somigliare ad un bruciore o indolenzimento del muscolo e di tutti i tessuti e nervi intorno all'osso in corrispondenza dell'anca. 

Trocanterite: la diagnosi

In generale è lo specialista a diagnosticare la trocanterite; a volte possono essere necessari alcuni esami diagnostici come l'ecografia, per valutare la serietà del disturbo e se è presente del liquido nella parte interessata.

Come curare la trocanterite?

  • assunzione di farmaci antinfiammatori e antidolorifici;
  • impacchi di ghiaccio per 10 minuti più volte al giorno;
  • dieta dimagrante se si è in sovrappeso;
  • infiltrazioni;
  • sedute di fisioterapia;
  • molto riposo

giovedì 7 dicembre 2017

Filtrare la luce blu del monitor filtro anti luce blu

filtro anti luce blu
Oggi i dispositivi digitali sono sempre più utilizzati da persone di tutte le età, in particolar modo per lavoro e l'esposizione davanti a smartphone, tablet e schermi di vario tipo e dimensione è di almeno 5 ore in media al giorno. La luce blu è presente naturalmente nei raggi del sole, ma è prodotta anche da diversi apparecchi tecnologici, compresi computer e schermi tv. Vi sono dei metodi per filtrare la luce blu del monitor.

Life Style Slow

Cos'è la luce blu?

La luce blu regola il ciclo sonno-veglia, perché agisce sulla produzione di melatonina, sostanza fondamentale in fase di addormentamento. La luce blu ha molti benefici per l'organismo, perché l'esposizione a questo tipo di luce oltre a regolare i ritmi biologici influisce sulla produzione di vitamine, specie della vitamina D, migliorando lo stato di benessere generale. Il problema nasce quando gli occhi sono esposti ad alte radiazioni elettromagnetiche di luce blu. La quantità di luce blu che viene percepita dall'occhio può provocare seri danni. Per questo motivo nasce l'esigenza di filtrare la luce blu del monitor con sistemi a filtro anti luce blu.

Gli effetti di una sovraesposizione alle onde della luce blu

Essere esposti in modo ravvicinato a fonti che producono una grande quantità di luce blu, come avviene spesso per tutti i dispositivi digitali può provocare ansia e insonnia. La luce blu percepita dagli occhi attraverso il sole permette il risveglio mattutino. Ciò avviene, perché la luce blu contenuta nei raggi solari inibisce la produzione di melatonina che il nostro cervello produce; di conseguenza, se durante le ore notturne si usano dispositivi elettronici per molte ore, l'organismo si risveglia, creando un'anomalia nell'equilibrio sonno-veglia, per cui è importante filtrare la luce blu, con l'ausilio di filtri anti luce blu. Inoltre, molte ore davanti ad uno schermo, spesso causano bruciore agli occhi, vista offuscata, lacrimazione, prurito agli occhi e mal di testa




Come filtrare la luce blu dei monitor


Vi sono alcuni rimedi per ridurre l'impatto nocivo dei raggi della luce blu; si possono indossare lenti con filtro anti luce blu. Attraverso il filtro di questi particolari occhiali la luce viene scomposta dall'occhio e in questo modo non raggiunge lo stesso punto della cornea. Per le persone che passano troppe ore al computer per necessità lavorative, esiste in commercio una pellicola anti luce blu da applicare direttamente sullo schermo del computer; questa pellicola si compone di un multistrato e oltre ad essere anti luce blu e uv è antiriflesso e antigraffio e infine può rappresentare un'alternativa alle lenti protettive luce blu.

mercoledì 6 dicembre 2017

Dormire bene aprendo porte e finestre

Una ricerca pubblicata sulla rivista Indoor Air ha dimostrato che aprire porte e finestre prima di andare a letto, migliora la qualità del sonno. Lo studio ha coinvolto 17 volontari il cui sonno è stato controllato sia con finestre aperte sia chiuse.

Life Style Slow








I livelli di umidità e anidrite carbonica presenti nella camera da letto con la finestra aperta erano bassi; con l'aiuto di report dei volontari e attraverso esami strumentali è stato dimostrato che minore CO2 nella stanza, rende il sonno più profondo, come anche il numero di risvegli notturni.

CO2 Cos'é?

CO2, ovvero anidrite carbonica è una sostanza importante per la vita delle piante; una produzione eccessiva nell'atmosfera provoca l'effetto serra.
Attraverso gli oceani e la vegetazione è prodotta CO2; quest'ultima viene riassorbita dagli oceani e dalla vegetazione. per colta dei comportamenti dell'uomo, le emissioni di CO2 sono state alterate.

Nel 2017 si prevede un aumento delle emissioni del 2%. Il Global Carbon Budget ha pubblicato un rapporto, dove le stime per il futuro non sono ottimiste. L'allarme ormai è globale e servono politiche comuni veloci e tempestive.

Le emissioni sono negative per l'ambiente, perché sconvolgono l'eco sistema e le temperature. Le emissioni di anidride carbonica sono molto nocive per la salute umana; una riduzione di CO2 salverebbe molte vite.

Disintossica e depura l’organismo attraverso il sistema digerente


lunedì 4 dicembre 2017

Congiuntivite: cause e cure

La congiuntivite è un'infiammazione che colpisce la membrana trasparente che ricopre la palpebra. Il rossore è causato dai vasi sanguigni infiammati.

Life style slow







Le cause della congiuntivite

L'infiammazione della congiuntiva può essere causata da:

  • allergia;
  • infiammazione da batteri
Quando la congiuntivite è causata da un'infezione virale o batterica, deve semplicemente fare il suo corso. 
La diagnosi deve essere tempestiva, soprattutto se si tratta di congiuntivite virale e se si manifesta nei bambini piccoli. 

I sintomi della congiuntivite

I sintomi più comuni di questa malattia sono l'intolleranza alla luce, lacrimazione oculare, prurito ed eccessivo rossore degli occhi. Nei casi più gravi, la patologia può degenerare e coinvolgere la cornea, provocando piccole lesioni. 


Rimedi

Le cure cambiano a seconda delle cause; l'oculista potrà prescrivere pomate e colliri per uso locale, ma anche impacchi freddi con camomilla sugli occhi possono ridurre il gonfiore.
E' importante utilizzare cosmetici biologici

La Prevenzione

Prevenire la congiuntivite non è difficile; è importante osservare le più comuni norme igieniche, come lavaggio frequente delle mani, utilizzo esclusivo di asciugamani, cuscini, fazzoletti ecc. Evitare il contatto delle mani con gli occhi. L'assunzione di integratori alimentari a base di Vitamina A e carotene può aiutare a migliorare la salute degli occhi.

Marketplace editoriale



mercoledì 29 novembre 2017

Ecoterapia per curare ansia e diabete

Si chiama Ecoterapia e consiste nell'immergersi nella natura per curare mente e spirito. Molti studi, anche in passato avevano dimostrato che il contatto con la natura agisce positivamente sulla salute delle persone. 
Oggi arriva la conferma dall'Università di Essex, dove i ricercatori hanno dimostrato che 9 pazienti su 10 hanno manifestato di essere meno depressi dopo una passeggiata nel parco.

Life style slow

L'ecoterapia già esiste negli Stati Uniti

Robert Zarr è il direttore della no-Profit Park RX America and Unity Healthcare, con sede a Washington, che insieme a 50 sanitari prescrive passeggiate nel parco con programmi basati su alcuni esercizi, che aiutano i pazienti a guarire.




L'ecoterapia prevede percorsi particolari, attraverso cui i pazienti si immergono totalmente nella natura, concentrandosi sulle foglie e gli alberi, sul canto degli uccelli e sul rumore dei corsi d'acqua. Queste passeggiate - terapie restituiscono tranquillità a mente e corpo.

L'esperimento continua ed è a costo zero; madre natura accoglie e guarisce, rinvigorisce lo spirito e dona una grande dose di buon umore, ingrediente indispensabile per affrontare qualsiasi cosa, perfino una malattia. 

Se c'è un parco vicino casa vostra cosa aspettate? Iniziate subito l'ecoterapia!

Marketplace editoriali


Parodontite causa di diabete e malattie cardiovascolari

Sono oltre due milioni gli italiani che ogni anno ricorrono a cure dentistiche a causa della parodontite, in particolare a impianti e dentiere. La parodontite è la causa principale delle prestazioni dentistiche e cosa circa 2,5 milardi di euro all'anno. Il Servizio sanitario nazionale copre solo il 5,4% delle prestazioni.

Durante il VI Congresso Nazionale della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute promosso da FederAnziani a Rimini è emerso da un documento presentato dalla Società italiana di Parodontologia e Implantologia che vi sono numerose criticità nell'ambito della salute orale e lo stesso documento propone soluzioni per la prevenzione e la cura delle principali patologie dei denti, in particolare della parodontite.


Cos'è la Parodontite
La sesta malattia cronica più diffusa al mondo. 

La Parodontite è un'infiammazione che causa la distruzione dei tessuti che assicurano stabilità ai denti, provocando la caduta di questi ultimi. La gengiva e il legamento parodontale , il cemento radicolare e l'osso alveolare fungono da sostegno al dente. La Parodontite si manifesta con il sanguinamento delle gengive e una maggiore mobilità dei denti. La comparsa delle gengivite è dovuta alla placca, dietro la quale si nascondono minuscoli residui di cibo. Da questa condizione nella nostra bocca proliferano batteri che attaccano la superficie del dente danneggiandola.


La Parodontite è la seconda fase di una gengivite grave, che causa un solco gengivale, una tasca paradontale fra gengiva e dente. Placca, tartaro e batteri attaccano il tessuto circostante i denti fino a provocarne la caduta.
La Società Italiana Parodontologia, in occasione del VI Congresso Nazionale della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute  ha proposto di intensificare le azioni della Sanità Pubblica, in collaborazione con gli specialisti, cardiologi, diabetologi per una maggiore informazione e prevenzione della parodontite. aterosclerosi e osteoporosi 

I numeri della Parodontite

La Parodontite colpisce oltre il 50%degli italiani; nel 10-14% dei casi, le forme gravi possono aumentare il rischio di malattie croniche come il diabete e le patologie cardiovascolari. In Italia l'informazione è la prevenzione per la parodontite sono ancora scarse; infatti, molte persone non sanno di essere affette da questa patologia.



La prevenzione e la cura

La prevenzione inizia fin da bambini, con una buona igiene orale e il controllo della placca. Le visite specialistiche da un parodontologo sono importanti per sottoporsi ad un test di rischio, con test microbiologico per verificare se vi sono fattori genetici. Alcune patologie come sono correlate ai batteri presenti nella bocca, per questo motivo è bene tenere sotto controllo queste malattie. In alcuni casi possono essere presenti lesioni della mucosa orale. In questi casi è necessario rivolgersi ad uno stomatologo; una biopsia potrebbe consentire di rilevare lesioni in fase pre-cancerosa. 



Marketplace editoriale           - dresser7@hotmail.it  -  info

sabato 25 novembre 2017

100 malattie croniche e rare riconosciute dal Ministero della Salute


Dopo 15 anni la Sanità italiana riconosce 100 malattie rare e croniche e sono aggiornati i Lea - Livelli Essenziali di Assistenza. le novità sono diverse: arrivano nuove terapie come l'adroterapia - radioterapia per la cura dei tumori al cervello, l'enteroscopia, una piccola con microcamera ingeribile, per la gastroscopia, l'estensione dei vaccini  contro il papollomavirus e pneumococco.


Inseriti nell'assistenza anche gli arti artificiali a tecnologia avanzata.  Rientrano, inoltre nei Lea oltre 100 nuove malattie, fra cui  la sarcoidiosi, la sclerosi sistemica progressiva e la miastenia grave. La celiachia e la sindrome di Down diventano malattie croniche. Si pensa che dopo questo aggiornamento circa 300 mila persone saranno coperte dal Sistema sanitario nazionale. 




Esenzione per le malattie croniche
L'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ha affermato che le malattie croniche devono usufruire di esenzione e prestazioni specialistiche gratuite. Vi è un nuovo elenco redatto dal Ministero della salute disponibile in forma di banca dati delle malattie croniche che necessitano di assistenza ed esenzioni, una volta individuate le condizioni in base ai criteri del decreto legislativo 124/98.  

L'importanza delle vitamine nell'insorgenza delle malattie
Le vitamine sono importanti per uno stato fisico soddisfacente, anche se ce ne sono alcune che sono fondamentali come la vitamina D. Questa vitamina è di vitale importanza per le ossa; la sua mancanza provoca una demineralizzazione delle ossa. Sono 800 mila gli italiani a rischio invalidità per malattie reumatiche. 




Dove si trova la vitamina D

La vitamina D si trova nel salmone, nello sgombro, nel tonno, negli integratori vitaminici e infine l'esposizione al sole. Il sole fa sì che il nostro organismo produca vitamina D

Quali malattie provoca la mancanza di Vitamina D?


  • ansia;
  • crampi muscolari;
  • asma;
  • stanchezza;
  • mal di testa; 
  • diarrea;
  • problemi alla vescica;
  • depressione;
  • pressione arteriosa;
  • malattie cardiovascolari;
  • artrite reumatoide;
  • Sclerosi multipla;
  • diabete;
  • cancro

In base ad alcuni studi effettuati si è dimostrato che l'incidenza nella percentuale di affetti da sclerosi multipla è più alta nelle zone più lontane dall'equatore e quindi più lontane dal sole. 

Alcuni ricercatori della Harvard School of Public Health hanno condotto uno studio, secondo il quale la vitamina D, riuscirebbe a rallentare e ridurre la gravità della sclerosi multipla






Le vitamine sono sostanze di natura organica, contenute negli alimenti, indispensabili per il buon funzionamento, l'accrescimento e il mantenimento dell'organismo. Esse non hanno funzioni energetiche o strutturali, ma intervengono con compiti specifici in reazioni chiave del metabolismo, permettendone lo svolgimento.
In aggiunta a questi ruoli, da tempo conosciuti, è inoltre emerso che almeno due di esse, la vitamina A e la vitamina D, sono capaci di interagire direttamente con il DNA, determinando la trascrizione delle informazioni geniche.




venerdì 24 novembre 2017

Nevrite e polinevrite: come accorgersi di sintomi e cause

La nevrite è un'infiammazione che colpisce muscoli e nervi (sistema nervoso periferico);  i sintomi di questa patologia possono disorientare il paziente perché spesso sono comuni anche ad altre patologie come le influenze e i reumatismi.


La polinevrite

La polinevrite attacca nervi periferici diversi, provocando forti dolori, stanchezza, senso di pesantezza. I sintomi non vanno trascurati, perché una diagnosi tarda, porterebbe all'insorgenza di paralisi degli arti. In fase iniziale la malattia potrebbe manifestarsi con disturbi gastrointestinali e infezioni alle vie respiratorie.
E' importante che la diagnosi arrivi tempestivamente, per non permettere che il quadro clinico si complichi.
Le complicazioni a cui potrebbe andare incontro chi è affetto da polinevrite sono ipertensione, trombosi venose profonde, gravi patologie cardiache.
Nel decorso della malattia è molto importante lo stato di salute del paziente; spesso altre patologie potrebbero aggravare la situazione.

Stile libero

Le cause

Le cause che sono alla base dell'insorgenza di nevriti e polinevriti non sono del tutto note; alcuni esperti hanno avanzato delle ipotesi e si è arrivati a distinguere diverse cause all'origine:
  • Cause derivanti da infezione (herpes, mononucleosi, influenza, HIV);
  • Cause derivanti da contatto con sostanze tossiche (ossido di carbonio, piombo ecc.);
  • Cause derivanti dall'uso eccessivo di alcol;
  • Cause derivanti da mancanza di Vitamina B12  - polinevrite carenziale;
  • Cause derivanti da diabete mellito;
  • Nevrite o polinevrite genetica   
Le cure
Prima di iniziare qualsiasi terapia vanno individuate le cause che hanno provocato l'insorgenza della patologia. Lo specialista può prescrivere al paziente diversi tipi di analisi ed esami diagnostici come la Ves (per accertare uno stato di infiammazione), creatinchinasi (per verificare danni ai muscoli). A volte si rende necessario ricorrere ad una tac o risonanza magnetica, biopsia del muscolo. Per accertare che la malattia abbia origine da un fattore genetico bisognerà sottoporsi ad un test genetico. Negli ultimi anni i test genetici servono ai medici per comprendere se una malattia sia genetica; molto spesso malattie cardiovascolari e neurodegenerative hanno una forte componente genetica.   

Un nuovo farmaco contro l'Autismo

La cura sarà diversa in base al tipo di evento che ha scatenato la nevrite. Nei casi di infezioni bisognerà agire attraverso una terapia a base di farmaci antinfiammatori, se la malattia è causata dall'abuso di alcol, bisognerà innanzitutto astenersi dall'alcol e seguire una dieta ricostituente.
In Italia sono circa 800 mila le persone a rischio invalidità per malattie reumatiche.

Per quanto riguarda la polinevrite carenziale, molto diffusa nei soggetti con mancanza di vitamine del gruppo B, in particolare della vitamina B12 è importante sopperire attraverso l'alimentazione e l'integrazione allo stato carenziale.

Perchè la vitamina B12 è tanto importante?

La B12 contribuisce insieme all'acido folico alla formazione dei globuli rossi; è importante per il normale funzionamento del metabolismo del tessuto nervoso e contribuisce alla produzione di DNA. Molte ricerche condotte sulla vitamina B12 hanno evidenziato che: 

  • riduce la crescita del cancro del sistema nervoso;
  • migliora i disturbi legati a  osteoartrite e osteoporosi

Dove si trova la  Vitamina B12 (cianocobalamina)

La vitamina B12 si trova naturalmente nella carne, nel pesce, come l'aringa, le sardine, lo sgombro, nelle uova, nei molluschi, nel latte e nei suoi derivati. Spesso, però non è sufficiente attingere alle fonti naturali, per problemi legati all'età o all'incapacità di assorbimento di questa vitamina. In questi casi sarebbe preferibile  ricorrere ad integratori di vitamina B12. Alcuni specialisti, quando strettamente necessario, consigliano perfino fiale di vitamina B12.





                     

giovedì 23 novembre 2017

Sla: i risultati della Pet therapy in reparto



Due pastori bianchi sono entrati nel centro clinico NeMo di Arenzano in provincia di Genova, grazie al progetto "ConFido: quattro zampe in corsia". 
Il primo progetto di terapia assistita che coinvolge i cani, voluto da Mondovicino outlet Village e la Fondazione Vialli e Mauro per la Ricerca e lo Sport Onlus, ha dimostrato di poter dare benefici a pazienti affetti da Sla. 


Il progetto

Per la durata di quattro mesi il progetto ha visto coinvolti 50 pazienti. La metà di essi sono stati sottoposti a 170 sedute di  terapia assistita, mentre l'altra metà sono rientrati nel "gruppo di controllo", per permettere la valutazione dei risultati della sperimentazione. I risultati sono arrivati: è aumentata la motivazione del paziente, il suo equilibrio e un generale miglioramento delle condizioni rispetto al gruppo di controllo

800 mila italiani sono a rischio di invalidità per malattie reumatiche

I risultati dell'esperimento saranno presentati al simposio internazionale di Boston. Si spera che nascano nuovi progetti di questo genere e si permetta a strutture cliniche un ampliamento del raggio di applicazione.

Cos'è la Sla e quali sono le cause

La sclerosi laterale amiotrofica è una malattia degenerativa, che compromette la funzionalità dei muscoli, perché attacca le cellule cerebrali che comandano i muscoli. Per ora si conosce molto poco di questa malattia rara. Gli esperti pensano a cause genetiche, di contatto con sostanze tossiche, carenza di vitamine necessarie per il sistema nervoso centrale, in particolare vitamine del gruppo B. La ricerca continua e si spera che nei prossimi anni si riesca a formulare farmaci che blocchino il processo degenerativo e che lo prevengano. 

Lavorare nella Nutraceutica                 Marketplace editoriale

mercoledì 22 novembre 2017

Scopri quali sono i danni che l'alcol provoca allo stomaco

Lo stomaco è uno degli organi più importanti nella fase digestiva e di assimilazione dei cibi. In questa sacca avviene un processo molto particolare: attraverso la mucosa presente nello stomaco, infatti, i nutrienti vengono metabolizzati e assorbiti successivamente dall'intestino.
Life style slow

Cosa avviene quando si fa abuso di alcol?

La mucosa gastrica ha la funzione insieme al fegato di metabolizzare ciò che si ingerisce; quando si ingerisce alcol, quest'ultimo una volta assorbito dall'intestino viene trasportato al fegato.
Chi fa un uso eccessivo di alcol, rischia di danneggiare la mucosa dello stomaco; spesso le cellule della mucosa si infiammano, non riuscendo a gestire il carico di alcol ingerito. 


L'infiammazione può dare origine a gastrite o ulcera gastrica. Il danno peggiore che può causare un uso eccessivo di alcol è un'anomalia in fase di digestione e assimilazione dei cibi
A causa di una forte infiammazione lo stomaco non riesce ad elaborare correttamente i cibi; ne consegue uno stato di malnutrizione, perché i nutrienti contenuti nei cibi non vengono assorbiti dall'organismo.



In secondo luogo in seguito ad un uso prolungato di bevande alcoliche, si potrebbero avere episodi di diarrea o vomito; condizioni che aggraverebbero il quadro dell'assimilazione dei nutrienti.
Il vino e la birra a differenza dei superalcolici, sarebbero meglio tollerati, perché in essi sono presenti sostanze naturali, più facilmente digeribili. Si consiglia, in tutti i casi, di consumare piccole quantità di bevande alcoliche e di condurre uno stile di vita più sano. 

Rimedi

Ridurre l'uso di alcol oppure eliminarlo completamente e ricorrere ad integratori vitaminici, per sopperire alle carenze alimentari. 



mercoledì 15 novembre 2017

Dieci Strategie contro l'ansia

L'ansia è un insieme di tanti elementi; Molto spesso ci si sente sopraffatti dagli impegni, dalla voglia di fare tutto e fare in fretta ed ecco che l'ansia diventa un problema più grande di noi.

Vi sono alcune strategie che si possono mettere in atto per combattere l'ansia, prima che ci prevarichi. 

  1. Camminare a testa alta - Molti studi hanno dimostrato che camminare a testa alta è il segreto del buon umore e aiuta l'autostima;
  2. Attività fisica - Praticare attività fisica con una corsa o una passeggiata veloce ogni mattina per almeno venti minuti attiva i centri nervosi, fa defluire il sangue al cervello, facendoci sentire più positivi ed energici;
  3. Non fotografare tutto sempre - Rilassarsi vuol dire anche godersi in santa pace una serata o un'uscita con gli amici, senza voler a tutti i costi immortalare alcuni momenti oppure oggetti e cose;
  4. Agire e non rimandare - Quando abbiamo un compito o un dovere da svolgere, aspettare o rimandare non fa altro che alimentare l'ansia;
  5. Allontanare le persone negative - Alcune relazioni hanno una pessima influenza sulla nostra autostima e spesso frasi, affermazioni e atteggiamenti ci rendono nervosi e agitati - Troncare queste relazioni può fare solo bene alla nostra salute psichica;
  6. Stop alla dipendenza da dispositivi elettronici - Il web ha migliorato la nostra vita, ma è anche vero che l'uso eccessivo di Smartphone e social aumenta tristezza e ansia - Staccare per un certo numero di ore al giorno è un'ottima abitudine;
  7. Oziare - Il dolce "far nulla", in un'epoca come la nostra dove si corre (non si sa dove), può sembrare blasfemo, ma in realtà stare soli e "perdere del tempo" è un toccasana per lo spirito e la mente. Nei momenti di pausa (la pausa deve essere fatta da tutto), non è vero che non si fa nulla; Quei momenti servono per ricaricare le batterie, per rigenerarsi - Anche quando sembra che non facciamo nulla, quel tempo non è mai sprecato;
  8. Riposare e Dormire - Per riposare e dormire bene bisogna prepararsi - E' necessario prendersi del tempo per rilassarsi e arrivare al momento del riposo già rilassati e sereni;
  9. Delegare - Se i doveri sono troppo e troppo ingombranti, è arrivato il momento di delegare - Non si può pretendere troppo da se stessi;
  10. Momenti piacevoli - Ritagliarsi durante la giornata piccoli momenti di relax e piacere - Può essere una doccia o un bagno caldo (il caldo rallenta le tensioni ai muscoli), il momento della colazione o della pausa caffè, dieci minuti per leggere il giornale o un libro (rigorosamente cartaceo) ; impariamo a staccarci di più dalla tecnologia, questo ci renderà più positivi e felici.



martedì 14 novembre 2017

Autismo: In arrivo un nuovo farmaco

L'autismo può esordire entro i primi tre anni di vita; in generale colpisce più i maschi che le femmine e nell'ultimo decennio le diagnosi sono raddoppiate. Da molti anni ci si interroga sulle cause scatenanti di questa patologia che interessa la sfera comportamentale e sociale del bambino, oltre a diversi disagi nello sviluppo intellettivo. 

Un nuovo farmaco in arrivo contro la sindrome dell'Autismo

Presso l'Istituto europeo di oncologia e all'Università statale di Milano, è in corso una ricerca scientifica, che coinvolge anche la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. 
Lo studio ha evidenziato uno dei geni del cromosoma 7, che risulta alterato in bambini con la sindrome di Autismo. Il gene in questione, interagisce con LSD1, un enzima responsabili di diversi tipi di patologie. 



La ricerca finora ha dimostrato che grazie alla somministrazione di farmaci contro l'enzima LSD1, alcuni circuiti molecolari riprenderebbero il corretto funzionamento. Da questa scoperta si apre un mondo e una nuova speranza per malattie relative al sistema nervoso e dello sviluppo.

Fino ad oggi si può dire che la scienza in questo campo abbia brancolato nel buio. La diagnosi spesso arriva tardi, dopo alcuni sintomi evidenti, rappresentati da chiusura totale o parziale alle relazioni sociali, compromissione nel linguaggio e nella comunicazione
Non avendo a disposizione elementi per individuare le cause dell'autismo, ogni terapia è stata fino ad oggi più o meno personalizzata. A volte la terapia prevede la somministrazione di farmaci, ma il metodo generale riguarda azioni da compiere in ambito sociale (le metodologie sono diverse).
Psicologi, terapisti psicomotricità dell'età evolutiva e neuropsichiatri infantili sono gli specialisti indicati a somministrare la giusta terapia per il bambino autistico; l'obiettivo è quello di inserire il bambino  nel tessuto familiare, nel modo più naturale possibile, senza troppi disagi.



La Prevenzione serve?

La diagnosi precoce è importante, perché si può intervenire subito con una terapia su misura. La diagnosi andrebbe fatta entro i due anni e la sorveglianza viene effettuata su bambini che hanno in famiglia casi di autismo


lunedì 6 novembre 2017

Uomini e geni. La medicina dell'individuo



La Repubblica e RSalute, sabato 11 novembre 2017 alle ore 10,30 presso il Museo del Risorgimento a Torino, presenteranno “Uomini e geni. La medicina dell’individuo”.

L’incontro, aperto al pubblico, sarà un’occasione per parlare di salute, di sanità, di medicina, di malattia.
L’individuo al centro della scena, con il suo sentire, e con la sua unicità di essere umano.

Le nuove frontiere della genetica mostrano alla medicina degli orizzonti impensabili fino a poco tempo fa. L’individualità della malattia nasce proprio da questo. Ognuno di noi è diverso, con un proprio DNA, e diverso è il reagire al male. Anche la medicina, aiutata dalla genetica, ha come obiettivo futuro quello di tracciare un profilo di terapia ad personam. I malati si assomigliano, ma non sono uguali.

Medicina dell'individuo - L'evento


L’incontro “Uomini e geni. La medicina dell’individuo” ha dunque come scopo, quello di promuovere un’idea innovativa: rendere protagonista l’esperienza individuale che ognuno di noi ha con la sua malattia, ripensandola in maniera più completa.

Nel corso della mattinata, oltre a vari incontri con esperti, l’attore Neri Marcorè tratterà il tema affrontato leggendo dei brani presi da testi di Molière, Pirandello e Tolstoj. All’evento parteciperanno anche: Mario Calabresi, Sergio Chiamparino, Lucia Del Mastro, Paolo Marchetti, Mario Melazzini e Giorgio Scagliotti. 

Scopri i tre segreti per vivere bene: Il luogo influisce sulla qualità della vita

Tantissimi sono gli studi scientifici che analizzano i rischi di vivere nelle città. In effetti chi vive in grandi metropoli rischia problemi alla vista, malattie come il diabete e finanche la depressione. I motivi sono semplici e innumerevoli; prima di tutto non esiste il contatto con la natura, grande fonte di energia, lo smog fa respirare male con i noti effetti dannosi alla salute, tra cui il diabete. La normale attività dell’occhio inoltre è caratterizzata da una regolare frequentazione di ambienti aperti esposti al sole. La mancanza di luce può causare danni agli occhi. 
Uno studio condotto dall’Institute of Psychiatry di Londra, inoltre ha evidenziato l’aumento di schizofrenia in chi vive in un centro abitato  rispetto a coloro che vivono lontano dalla città. 
In aumento anche i pericoli legati all’iperattività, in quanto la città impone uno stile di vita frenetico e freddo.  Il fenomeno dell’immigrazione è ancora in crescita nel nostro paese, spesso sempre più individui lasciano la propria terra in cerca di prospettive lavorative migliori. L’ideale sarebbe vivere in campagna, a contatto con la natura. Ma se ciò non fosse possibile è necessario seguire alcune regole basilari per ridurre il rischio di incorrere negli effetti negativi che la metropoli può causare:
  1. Cercare di creare un clima di cordialità almeno sul posto di lavoro e nel condominio in cui si vive. Sapere di avere un vicino di casa su cui poter contare è utilissimo. Non è necessario intrecciare rapporti stretti, basta il saluto, le due chiacchiere, la disponibilità, lo scambio di piccoli favori ( il sale, lo spicchio d’aglio) senza esagerare. 
  2. Sì ai week-end e alle giornate di vacanza fuori porta, all’aria aperta, in campagna, montagna e al mare. Si alla palestra o alla piscina, allo jogging nel parco.
  3. Ci sono alcuni cibi che contrastano la depressione. Sono risapute le qualità della cioccolata, che contiene feniletinammina, una sostanza che produce benessere ed euforia, come anche concedersi due o tre caffè al giorno.  La carne rossa, l’ananas e gli spinaci risvegliano l’attività cerebrale, mentre i cibi che rilassano, favorendo un sonno ristoratore sono i latticini, il latte con orzo, la zucca, banane, patate dolci e cereali integrali.


Oltre a tutti gli accorgimenti del caso, sempre più specialisti prescrivono integratori, anziché medicinali, per contrastare e prevenire tantissimi disturbi.


Dna Solutions