Follow by Email

lunedì 17 ottobre 2016

Compreresti un’auto elettrica se sapessi che sfrutta il lavoro minorile? In Olanda stop alle auto

Molte multinazionali, comprese quelle che costruiscono auto sfruttano il lavoro minorile; I dati sono stati denunciati da Amnesty International 


Viene da pensare che chi vorrebbe un’auto ecologica, dovrebbe informarsi bene e alla fine potrebbe addirittura decidere che camminare a piedi sia la scelta migliore, visto che un’auto elettrica tanto pulita non è.

Bmw e Fiat-Chrysler pare che abbiamo dato qualche risposta in merito alla fornitura di Cobalto.
Chi invece ha evaso qualsiasi risposta è General Motors, Reanault, Nissan, tesla, LG Chem e Samsung SDI.

La scelta dell’Olanda
Dal 2025 in Olanda le auto saranno bandite. La legge che vieta la vendita di auto alimentate a benzina ha avuto successo nel primo passaggio parlamentare.
Nel paese dei fiori da anni sostiene le bici e le piste ciclabili.
Già nel 2015 le vendite di auto elettriche è aumentato notevolmente.




Attualmente in Italia il mercato delle auto elettriche è incerto, e presenta numerosi pro e contro. Innanzitutto le stazioni di ricarica di elettricità sono scarse, poco presenti su tutto il territorio nazionale.
La maggior parte delle auto elettriche vengono acquistate da società di noleggio e per la vendita dell’usato non c’è un vero e proprio mercato.
La politica potrebbe fare molto di più con l’installazione di nuove stazioni per la ricarica e di incentivi all’acquisto e alla produzione. 
Non è ancora chiaro se ci sia o no un’esenzione del bollo per 5 anni.

C’è da capire che ci sono ancora troppi interessi nell’industria del petrolio e non c’è una vera e propria volontà a cambiare rotta, a favore di auto elettriche con emissioni pari a 0. L’interesse sarebbe l’aria più pura, visto che ogni anni milioni di persone si ammalano (tumori, malattie cardiovascolari) o muoiono grazie allo smog.

Resta sempre  assurdo però  pensare alla propria salute chiudendo gli occhi sulla salute degli altri, sull’infanzia rubata.
Dovremmo pensarci quando ci sediamo nelle nostre comode auto, quando compriamo un telefonino o un pc.

Ma veniamo allo sfruttamento del lavoro minorile

In un comunicato di Amnesty International si legge che , Apple, BYD, Daimler, Dell, HP, Huawei, Inventec, Lenovo, LG, Microsoft, Samsung, Sony, Vodafone, Volkswagen e ZTE sono  accusate di sfruttare indirettamente il lavoro minorile per l’estrazione del cobalto.

Cosa possiamo fare?


I nostri consigli:
  • Scegliete i mezzi pubblici
  • Camminate a piedi o in bicicletta
  • spegnete il motore durante soste lunghe
  • Evitate di accellerare
  • Il condizionatore consuma di più
  • Se l'auto porta troppo peso consuma più carburante
  • Viaggiate con i finestrini chiusi

 Infine c’è chi decide di condividere i viaggi!!
Esiste anche un gruppo su Facebook che vi aiuta a farlo!


Il consiglio: Camminiamo a piedi!





Nessun commento:

Posta un commento